COVID-19
Vi ricordiamo che ogni organizzatore di evento è responsabile in proprio della sicurezza dei partecipanti e dovrà garantire tutte le procedure di prevenzione previste dalle attuali disposizioni governative tra le quali sanificazione degli ambienti, controllo e registrazione degli accessi, numero massimo di presenze, uso dei dispositivi di protezione individuale e quant’altro utile ai fini della prevenzione dal contagio.

Derive Mediterranee

Mostra di Silvana Chiozza e Cristina Piceda 14.10.17/14.01.18

invito web

Opening Sabato 14 ottobre 2017 dalle ore 11.30 alle 18.30 a Roma, in via di Santa Maria dell'Anima, 30 alla Galleria Eitch Borromini con la mostra Derive Mediterranee di Silvana Chiozza e Cristina Piceda - la prima mostra personale a Roma dell’artiste argentine- a cura di Sveva Manfredi Zavaglia e patrocinata dall’Ambasciata della Repubblica Argentina. La mostra dura fino al 14 gennaio 2018.

Il nuovo progetto espositivo delle artiste argentine Silvana Chiozza e Cristina Piceda - di circa 35 opere di pittura per la prima e scultura per la seconda. Questa esposizione propone una sorta unione tra l’Italia e L’Argentina, quel sottile fil rouge che è sempre esistito, un rapporto speciale tra questi due paesi, dove si pone l’accento sull’influsso che la nostra penisola esercita e viceversa. Il legame che unisce e stabilisce il dialogo tra queste artiste è vibrante, il visitatore è trascinato in questo racconto di vita e ci lasciamo trascinare da immagini di memoria col desiderio di condividerlo e farlo conoscere attraverso quell'immediatezza che solo l’arte riesce a darci. La mostra “Derive Mediterranee” - ci descrive la curatrice - offre un dialogo tra la natura e la meraviglia, dove ci conducono le magnifiche opere delle due artiste. Evocazione di frammenti astratti e non, in un viaggio nel mediterraneo dove ci possiamo tuffar tra il colore della campagna al calar del sole e ammirar l’arrivo in materia della luna. Tema principale della mostra sono le emozioni nell’arte. Sinuose forme femminili in dialogo continuo arricchiscono l’ambiente espositivo della Galleria Borromini in modo accurato e unico, tra la pittura descrittiva con pennellate delicate trasparenti dell’olio su tela o tavola della Chiozza; con la scultura di marmo bianco di Carrara col nero del Belgio lanciandoci tra costellazioni e il ferro dall’aspetto fragile ma forte che ci parla della Piceda.

Artisti

Organizzatore