Fondazione Magis

Arte Solidale al MAGIS

Il MAGIS - Movimento e Azione dei Gesuiti Italiani per lo Sviluppo - è la fondazione che coordina le attività missionarie e di cooperazione internazionale della Provincia Euro-Mediterranea della Compagnia di Gesù. Nato nel 1988, in continuità con la tradizionale spiritualità ignaziana, il MAGIS promuove la missione dei gesuiti nel mondo per la riconciliazione con Dio, dentro l’umanità e con la creazione, aiutando le comunità locali a diventare attori di cambiamento sociale per uno sviluppo integrale e sostenibile e la realizzazione di un “mondo-casa comune” dove si apprende a celebrare la vita oltre la povertà, la violenza e la corruzione.

Nel 2015 la Fondazione MAGIS si è aperta al mondo dell’arte avviando l’iniziativa Arte Solidale e collaborando con il Collettivo degli Artisti Oltre i Confini che hanno donato un’opera da esporre per raccogliere fondi per un progetto di sviluppo agricolo in Ciad. L’iniziativa espositiva “Opere Solidali” (Roma, dal 7 al 10 ottobre 2015, Galleria La Pigna) ha consentito di ampliare il progetto degli orti comunitari. Nel giugno del 2016 è stato organizzato un pomeriggio di performance per il corpo e per lo spirito coniugando immagini con la scrittura e i suoni di parole

http://www.ex-art.it/opere_solidali/eventi.htm 

Successivamente sono state messe a disposizione del MAGIS delle opere, nell'ambito della campagna donatori 2016-2017, per l’iniziativa “Dona a loro e noi doniamo a te” ai sostenitori dei vari progetti.

Nel 2017 (dal 23 settembre al 7 ottobre) è stata organizzata a Roma (Art Gallery Bar) la mostra “Idriss Bakay: Un Artista rurale”, un omaggio all’artista ciadiano scomparso l’anno prima

http://www.ex-art.it/opere_solidali/ciad_mostra_roma/2017_idriss_bakay.htm

L'evento ha visto la partecipazione, tra gli altri, di: Claudia Bellocchi, Luigi M. Bruno, Giorgio Fiume, Venera Finocchiaro, Gianleonardo Latini, Janine Claudia Nizza.  

A partire dal 2018, con PrestArte, un’iniziativa che può contare su di un “patrimonio” di oltre un centinaio di opere di piccole dimensioni di artisti contemporanei, il MAGIS offre l’opportunità di poter prendere in prestito un’opera – come se fosse un libro – per tre mesi e rinnovabile per un altro, previa iscrizione annua al Servizio Prestito.

http://www.ex-art.it/opere_solidali/prestarte/2018_prestarte.htm

L’iniziativa vuole far circolare l’arte delle idee e delle forme, per valorizzare la ricchezza creativa dei singoli artisti e per ampliare i circuiti di fruizione dell’arte, oltre a trovare donazioni per finanziare i progetti di sviluppo ed educazione nei Paesi del Sud del Mondo.

Nell’ambito dell’iniziativa Rome Art Week, dal 21 al 26 ottobre 2019, il MAGIS, insieme al Collettivo Artisti Oltre i Confini, propone la Parete dei Diritti, con una cinquantina di opere di vari artisti - Bruno Aller, Emma Assisi, Massimo Bagarotto, Claudia Bellocchi, Carlo Bernardini, Paolo Bielli, Luigi M. Bruno, Lorenzo Bruschini, Antonietta Campilongo, Edda Carminucci, Francesca Cataldi, Paolo Cazzella, Angelo Colagrossi, Alessandro Crestini, Eleonora Del Brocco, Adriano Di Giacomo, Laura Di Pietro, Elisabetta Diamanti, Salvatore Dominelli, Marisa Facchinetti, Roberta Filippi, Venera Finocchiaro, Giorgio Fiume, Victorio Fodrini, Alberto Gasparri, Umberto Ippoliti, Susanne Kessler, Pietro La Camera, Giacomo La Commare, Silvana Leonardi, Adrian Levy, Massimo Luccioli, Cristina Madini, Christine Maudy, Edelweiss Molina, Maurizio Morandi, Janine Claudia Nizza, Sara Palleria, Alessandra Parisi, Silvio Pasqualini, Claudia Patruno, Massimo Petrucci, Lydia Predominato, Francesca Refrigeri, Corinna Ricci, Rocco Salvia, Simona Sarti, Giancarlo Savino, Eugenia Serafini, Stefano Sartini, Serge Uberti, Maria Verzotto, Zweiart: Marina Buening e Maria Korporal.

L’iniziativa si compone in parte di una selezionate delle opere della precedente iniziativa Visioni dell’Umanità svoltasi nel 2007 in tre diversi spazi (http://www.ex-art.it/visioni_dell_umanita'/visioni_dell_umanita'.html)

e arricchita con recenti lavori, per sensibilizzare e coinvolgere nella solidarietà un più vasto pubblico interessato alla comprensione dell’arte contemporanea.


Gli eventi di RAW2016 ancora non sono stati inseriti nel nuovo database, potete visualizzarli su RAW 2016