Maria Pia Pascoli


FORMAZIONE ARTISTICA

È nata, vive e lavora a Roma.

• Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi “La Sapienza” di Roma. • Liceo Artistico di via Ripetta (Roma) alla scuola di Franco Cannilla e Franco Valeri. Già titolare della cattedra di Discipline Plastiche presso: • Liceo Artistico Giorgio De Chirico di Roma • Istituto d’Arte ISA 1 e ISA 2 di Roma • Istituto d’Arte di Rieti

MOSTRE COLLETTIVE

• “Sconfini” – Camera 79 Art Gallery – Roma (2018) • Cosmografie – Varco Pigneto – Roma (2016) • Babilonia – Sale dell’Agostiniana – Roma (2012) • Donne Rinascita – Galleria Passepartout – Milano (2012) • Premio Open Art – Sale del Bramante – Roma (2012) • Cosmografie – Domus Talenti – Roma (2012) • F.I.A.R. Festival Internazionale dell’Arte di Roma – Cascina Farsetti – Villa Doria Pamphilj – Roma (2010) • I Colori dal Mondo: Rassegna Internazionale di Arte Contemporanea – Centro Internazionale OAD – Roma (2010) • Premio Open Art – Sale del Bramante – Roma (2010) 1° classificata nella sezione Pittura • Mostra personale: “Trame” – Galleria dei Leoni – Roma (2009)

SIGNIFICATO E CONTENUTI DEL LAVORO ARTISTICO

Il protagonista assoluto dei suoi lavori è il “filo”, elemento fragile e apparentemente insignificante. Attraverso una fitta rete di trame ed ordito, il “filo” si può rompere, spezzare, sfrangiare, tendere, sovrapporre per comunicare sensazioni e stati d’animo diversi nonché messaggi forti e dirompenti. Così sono nati i lavori, per citarne alcuni, come: “Mediterraneo” (2018) che rappresenta la disperazione di tanti profughi in mare; “Burqa” (2009) sulla difficile e complessa situazione femminile; “Centro di Gravità” (2018) o “Esplosione Cosmica” (2008). Il tema centrale dell’ultimo periodo artistico è ispirato alle “ombre e luci” di piccoli brani di realtà, cui raramente si presta attenzione ma che, ai suoi occhi, appaioni come trine, fragili merletti, ricami sui cui si posano foglie dorate ma anche mozziconi di sigarette, pezzi di carta e plastica, testimonanza del passaggio di un’umanità frettolosa e disattenta.

Ha scritto di lei il Professore e Storico dell’Arte Stefano Borsi, nella recensione alla sua mostra personale “Trame” del 2009: …l’arte di Maria Pia è delicata come le sue trame, non strillata e non incline a concessioni al commerciale, intimista e vibratile, trasognata eppure attenta, talvolta anche eticamente e socialmente impegnata. Persino classica nella intransigente difesa di un “mestiere” che sa di buona accademia e di lungo tirocinio, di probità di segni e di padronanza della tecnica…

Mediterraneo (2018) - Acrilico e inchiostro di china su tela - 120x160cm
La tempesta (2020) - Acrilico e inchiostro di china su tela - 70x100cm
Luce in fondo al tunnel (2020) - Acrilico e inchiostro di china su tela - 100x100cm
Il grande strappo (2020) - Acrilico, inchiostro di china e olio su tela - 70x100cm

Gli eventi di RAW2016 ancora non sono stati inseriti nel nuovo database, potete visualizzarli su RAW 2016