Sara Bernabucci


Sara Bernabucci nasce a Roma, dove ancora oggi vive e lavora. Nel 2003 si diploma in pittura all’Accademia di Belle Arti di Roma e continua il suo percorso formativo dal 2006 al 2008 nello studio dell’artista Alfredo Pirri. Nel 2007 è selezionata per la residenza "Manifatto in sito" (Parco dell’arte Cancelli-Foligno) dall’artista giapponese Hidetoshi Nagasawa; esperienza che inciderà profondamente sul percorso artistico di Sara. Svolge numerosi progetti all’estero tra cui nel 2008 a Pechino “Empty city/mutant place” curato da Filippo Salviati, nel 2010 a Rabat “Signe et corps”con la fondazione Karim Bennani e l’Ambasciata del Marocco, nel 2019 all'Urban Nation Museum di Berlino grazie al Fresh A.I.R residency program 

Premi

2006-Vincitrice, sezione Arti Visive, del concorso “Pronto soccorso Giovani Artisti” promosso e patrocinato dall’Assessorato alle politiche culturali del Comune di Roma e Museo MACRO

2007-Vincitrice del concorso Muvin’up per la promozione degli artisti italiani in ambito internazionale, patrocinato dal Ministero italiano per i Beni e le Attività culturali, dal ministero italiano per le politiche giovanili e dal GAI (associazione giovani artisti italiani)

2014-"Scenografie in trasparenza" è tra i progetti vincitori nel concorso “Altre esistenze " a cura del Teatro Valle di Roma.

2019-Vince una borsa di studio di sei mesi all'Urban Nation Museum di Berlino(Fresh A.I.R residency program)

https://urban-nation.com/artist/sara-bernabucci/

2020 Selezionata tra i vincitori Festival del Tempo a cura di Roberta Melasecca (Città dell'arte Fondazione Pistoletto, Comune di Sermoneta)

Mostre personali

2007 “Il sogno di Eva” Rialtosantambrogio, Roma. Cura di Giulia Giovanardi

2008 “Empty city\mutant place” Galleria Art Channel, Pechino. Cura di Filippo Salviati           e Ambra Corinti

2009 “Senza perdere il filo” Galleria Marte, Roma. Cura di Lea Mattarella

         “Segno e corpo” teatro dei Dioscuri, Roma. Cura di Giulia Giovanardi

2010 “Signe et corps” Galerie Bab Lakbir, Rabat. Cura di Giulia Giovanardi e Abderrahman Benhamza

2014“Scenografie in trasparenza” istallazione e performance liberamente tratta dall’Enrico IV di Pirandello, Teatro Valle, Roma

2019 "Skine-line Project, curato da Yasha Yung, Urban Nation Museum, Berlino

Bio completa:https://drive.google.com/file/d/15ago3-gUyB2RmZLPxbWbW_l-DzX7tLpJ/view?usp=sharing

 

 

Klotho, calco in gesso, pigmenti, spago, Festival del tempo, Sermoneta 2020
100 fiori, istallazione, Pechino2008
Leucotea, cera, argilla e pigmenti, 2021(particolare istallazione)
flusso, 60x250cm, polvere di grafite su carta, 2016

Gli eventi di RAW2016 ancora non sono stati inseriti nel nuovo database, potete visualizzarli su RAW 2016