Grazia Menna

Grazia Menna è nata a Roma dove vive e lavora. Dopo aver completato la sua formazione Umanistica presso l’ Istituto “Fuà Fusinato” di Roma inizia a occuparsi con passione di fotografia seguendo corsi serali che la introducono allo sviluppo e stampa in bianco e nero. Ma sono i master di Fotogiornalismo presso la “Graffiti Press” di Roma e di Antropologia visuale presso l’Istituto Superiore di Fotografia di Roma che danno una svolta radicale al suo lavoro artistico con i reportage su tribù quasi in estinzione e gli innumerevoli viaggi che la portano dalla Nuova Guinea al Cile, dalla Papua Nuova Giunea all’India, dal Perù alla Birmania, dal Viet-Nham all’ Etiopia, sempre in giro per il mondo. Attiva organizzatrice culturale ha curato mostre e rassegne fotografiche, tra queste: Scatti Verdi, Duets, Un’Altra voce Un altro Sguardo ecc. Si occupa, in qualità di Vice Presidente, della gestione e programmazione dell’Associazione Culturale "Lavatoio Contumaciale", Roma. Da 2 anni è la fotografa ufficiale della SSD Roma Calcio Femminile. Mostre personali e collettive 2017 Tacco&Punta, indagine sul calcio femminile realizzato con la collaborazione della SSD Roma Calcio Femminile; testo in catalogo di Antonello Tolve, Archivio Menna/Binga Roma. (mostra personale). 2015 B-Twin, contaminazione materica e dialogo tra fotografia e acquaforte, sulle immagini di reportage eseguite a Los Angeles di Albert Beach & Grazia Menna, Lavatoio. Contumaciale, Roma,. (mostra personale a 4 mani). 2013 F(orget), L(ose), D(isappear), reportage che affronta la scomparsa degli ultimi esponenti delle tribù dell’Arunachal Pradesh in India, La Camera Verde, Roma, (mostra personale). 2010 RITOrno, reportage sulla Tirbù dei Surma (Omo River, Africa) con il processo di scarificazione, La Cuba d’Oro, Roma, (mostra personale). 2008 Be Carefully, reportage dall’Irian Jaya (West Papua) sulla tribù dei Dani, testo in catalogo di Andrea Semerano e Anna D’Elia. La Camera Verde, Roma e Alatri, (mostra personale). 2007-ecce H_OMO, reportage dall’ Etiopia, tribù dell’Omo River, a cura di Zone Attive Fotografia-Festival internazionale, Lavatoio Contumaciale, Roma. (mostra personale) --Laafi Bala!, reportage dal Burkina Faso, testo in catalogo di Andrea Semerano e Maristella Campolunghi, La Camera Verde, Roma, (mostra personale). 2006 Oma Oma, reportage dal Niger, a cura di Officina delle Immagini, Archivio Menna/Binga, Roma,(mostra personale). 2005 No BIRR, your LIFE, reportage dall’Etiopia, a cura di Officina delle Immagini, Archivio Menna/Binga, Roma; (mostra personale). --No BIRR, your LIFE, reportage dall’Etiopia, nell’ambito della manifestazione Intermundia a cura di Paola Gabrielli, e del X Municipio di Roma, testo in catalogo di Clotilde Paternostro, Stand di Piazza Vittorio, Roma, (mostra personale). --Foto CoPPia, a cura di Officina della Immagini, Lavatoio Contumaciale, Roma; --Segnixlibri, mostra di segnalibri a cura di Tomaso Binga e Massimo Pompeo, in collaborazione con le Associazioni, Archivio Luigi Faccioli, Casa Arte Scuola Civica di Musica, Arte a Scuola, Synkhronos, Lavatoio Contumaciale, Roma. --Segnixlibri, a cura di Massimo Pompeo, testi in catalogo di Gaspare Ceccone e Raffaella Di Lorenzo, Casa della Musica, Scuola di Via Polonia, Latina. 2004 Lavatoio Protagonista, per i Trent’Anni del Centro, mostra fotografica a cura del Fotogramma e Officina delle Immagini, Lavatoio Contumaciale, Roma. --Percezioni Scomposte, reportage da Orissa-India, testo in catalogo di Anna Cochetti, La Camera Verde, Roma, (mostra personale). --Omaggio a Lucrezia Borgia, mostra itinerante a cura di La Camera Verde, Nepi. 2003 Volto Multiplo, scatti, autoscatti manipolazioni per autoritratti psichici, a cura di Tomaso Binga e Vitaldo Conte, Lavatoio Contumaciale, Roma. 2002 Mutamenti dell’Arte, con artisti e studenti dell’Accademia di Belle Arti di Roma, a cura di Tomaso Binga e Antonio Passa, Lavatoio Contumaciale, Roma. --Il Corpo come Scrittura, mostra fotografica a cura di Maristella Campolunghi e Angelo Vassallo, Lavatoio Contumaciale, Roma. --Nitro & Nitrati, a cura del Fotogramma e dell’Associazione Il Peperoncino, Calcata, (mostra personale). 2001 Omaggio a Giovanna Colacevich, a cura del Fotogramma, Galleria Granarone, Calcata. 2000 Remembering CHE, Biennale delle Arti e delle Scienze del Mediterraneo, Mail-Art, a cura e testo in catalogo di Andrea Iovino, Complesso Monumentale S. Maria al Rifugio, Cava dei Tirreni. 1999 Fotografia al femminile, nell’ambito di Photogrammatica ‘99, il mese della fotografia a Roma, esposizione internazionale a cura di Cesare Nissirio e Giovanni Semerano, Lavatoio Contumaciale, Roma. --Sapori colorati, alchimia e visione del gusto, mostra fotografica a cura di Giovanni Semerano, Lavatoio Contumaciale, Roma. --Roberto Rossellini, mostra fotografica a cura di Photogrammatica, Villaggio Globale, Roma. --Month of photography in Rome, reportage da Burman people, mostra a cura di Photogrammatica, Villaggio Globale, Roma. 1998 Cravatta d’artista ai quattro venti, mostra itinerante, Circolo Il Gabbiano, La Spezia; --Cravatta d’artista ai quattro venti, mostra itinerante, Galleria La Nuova Era, Bari. --L’Infinito è Finito? Omaggio a Giacomo Leopardi, a cura di Tomaso Binga, testo in catalogo di Maria Roccasalva, Ed. Le impronte degli uccelli a cura di Vilma Costantini, Lavatoio Contumaciale, Roma. --Month of photography in Rome, reportage dal Perù/Chile, nell’ambito di Photogrammatica ‘98, il mese della fotografia a Roma esposizione internazionale a cura di Cesare Nissirio e Giovanni Semerano, Villaggio Globale, Roma. 1997 Cravatta d’artista ai 4 venti, manifestazione in due serata e quattro movimenti: per la seconda serata e terzo movimento, mostra fotografica, a cura di Tomaso Binga, testi in catalogo di Anna Cochetti e Mario Lunetta, Archivio Menna/Binga, Roma. --Tina Modotti, nell’ambito di Photogrammatica ‘96, il mese della fotografia a Roma, esposizione internazionale, testi in catalogo a cura di Cesare Nissirio e Giovanni Semerano, Accademia delle Arti e Nuove Tecnologie, Roma. --Concorso Nazionale di Fotografia Televita ‘97, seconda edizione, a cura di Televita e il X Municipio di Roma, Sala della Protomoteca in Campidoglio, Roma. (Menzione Speciale Televita '97) 1996 D’Apres Claude Cahun, Self Portrait of women, nell’ambito di Photogrammatica ‘96, il mese della fotografia a Roma, esposizione internazionale, testi in catalogo a cura di Cesare Nissirio e Giovanni Semerano, Accademia delle Arti e Nuove. Tecnologie, Roma. 1995 Month of photography in Rome, reportage dal Viet-Nham, nell’ambito di Photogrammatica ’95, il mese della fotografia a Roma, esposizione internazionale, a cura di Cesare Nissirio e Giovanni Semerano, Villaggio Globale, Roma. 1994 Photogrammatica ‘94, il mese della fotografia a Roma, esposizione internazionale e IV Edizione del “Premio Sebastiano Oschmann Gradenico”, a cura di Cesare Nissirio e Giovanni Semerano, Accademia delle Arti e Nuove Tecnologie, Roma, (Vincitrice I Premio).