Paola Alviano Glaviano


Paola Alviano Glaviano


Nata a Roma si diploma nel 1980 presso il I Liceo Artistico di Via di Ripetta, successivamente, mentre frequenta la facoltà di Architettura e la Scuola Libera del Nudo, approfondisce l’interesse per il corpo umano, che avrà parte rilevante nella sua opera di pittrice. La ricerca costante di nuove tecniche si evolve velocemente, dal pennello passa alla spatola, dal colore al bianco e nero per poi tornare alla policromia e di nuovo al monocromatico con l’uso del bitume. Dalla tela alla Juta e successivamente al cartone, che rappresenta la sua fase attuale.
Raccogliere cartoni destinati al macero, portarli nel proprio studio e dipingervi sopra, significa fissare la vita su ciò che sembra aver esaurito la sua prima funzione e che sarebbe destinato al macero o a un processo chimico di riciclo. In questo modo diventano testimonianza di una “esistenza” precedente che, attraverso il riutilizzo nel trasformarli in dipinti diventeranno eterni… come è eterna l’Arte in sé…
“La mia è una continua ricerca, un viaggio che, anche quando sembra aver raggiunto la meta, mi trova pronta a ripartire per nuove esperienze espressive, nuove tecniche, nuovi mondi … ogni nuova esplorazione non è mai un cambiamento ma una trasformazione del vissuto precedentemente, cosciente della mia irrequietezza , questa eterna inquietudine che non mi farà mai sentire appagata”.

Alda Merini
Antonio Ligabue
Frank Kafka
Edgar Allan Poe

Gli eventi di RAW2016 ancora non sono stati inseriti nel nuovo database, potete visualizzarli su RAW 2016