Tina Bellini


 

Tina Bellini nasce a Pescara il 05/05/1978 ,frequenta dal 1992 il liceo artistico Misticoni di Pescara,successivamente il Corso Integrativo,corsi di scenografia,e frequenta l'Universita Europea del Design.Dopo gli studi Tina ha lavorato presso l'azienda di famiglia,un salottificio dilivello alto come interior designer per circa 10 anni.Nel 2012 Tina realizza una linea di mobili rivestiti in materiale riciclato,come giornali,lattine,cartone,vetro..ottenendo grandi risultati,infatti nel panorama nazionale e internazionale del design sara' presentein diverse riviste di settore in tutto il mondo,quali la Russia,la Cina,il Brasile...

Nel 2014 partecipa al Fuori Salone di Milano,e grazie ad esso ha cominciato subito a lavorare fino al 2017 in TID,galleria di arte e design di Milano,partecipando a diverse mostre in collettivo aMilano fino ad arrivarare in Svizzera,a Lugano.

Nel 2015  viene invitata a partecipare alla Triennale del Design a Milano ,alla fabrica del vapore ottenendo grandi risultati ma comunque il suo vero amore per l'arte e' sempre piu'evidente tanto da concentrarsi successivamente solo ad essa abbandonando il Mondo del Design.

Nel frattempo i suoi studi vanno avanti e comincia a progettare opere tridimensionali in vetro.

Nel 2016 e 2017 prendera'parte alla mostra internazionale"Spoltore Ensemble"che si tiene a Spoltore(PE),dedicata all'arte,teatro e musica,pur continuando ad esporre e lavorare sopratutto in Milano.

Nel Settembre del 2018 debutta in Minotti Italia a Milano con un evento internazionale,DJARCH,con la Gallery Hysteria di Milano,con "Geometrie Perfette"Sculture 3D su vetro a raggi ultravioletti,un progetto al quale Bellini lavora gia dal 2016.

La sua arte prima figurativa man mano sempre piu' concettuale ha avuto sempre lo stesso denominatore comune,il colore che ritiene fondamentale.

Successivamente i suoi studi si sono sempre piu focalizzati nella geometria sacra,Tina sostiene che essa e'alla base organizzativa di tutto cio che esiste che e'sistiro e che esistera!

Nel Dicembredel 2018 Tina vince il Premio come migliore scultura 3D alla mostra internazionale di Arte Contemporanea "ARTE SALERNO"che si tiene appunto nella citta' di Salerno.Nel 2019 gli studi inerenti alla simbologia,alle forme,alle linee che si utilizzano anche nella Geometria Sacra,hanno portato l'artista a pulire,a levar via il superfluo,per arrivare dritti all'essenza,al fulcro,dando un messaggio preciso,netto senza giri di parole..nasce cosi una nuova serie di sculture 3D e installazioni in vetro che vedono come protagonista l'essenza della vita che svela il vero e unico significato della vita stessa che guarda oltre questo mondo terreno.Un vero e proprio viaggio introspettivo che hanno portato Tina ad interrogarsi su cosa siamo e siamo stati,molte risposte grazie allo studio di anni per la Geometria Sacra hanno avuto una risposta,molte linee e forme che i nostri occhi vedono continuamente hanno un significato,tutto sta nell'osservare da un'altra prospettiva e improvvisamente quelle forme apparentemente banali hanno un senso molto piu' profondo...tutto questo grazie allo studio profondo che Tina ha fatto per la geometria sacra,dalla simbologia ,alla numerologia,alle forme e linee,che da sempre accompagnano l'essere umano.