Francesco Diodati


Chitarrista, compositore e improvvisatore, inizia gli studi musicali incontrando il Jazz. Subito dopo la laurea in Statistica Economica decide di dedicare la sua vita alla musica: inizia a scrivere musica per i propri gruppi, a viaggiare a New York, Parigi, dove approfondisce lo studio del Jazz tramite borse di studio e collaborazioni importanti, ampliando ulteriormente la sua visione musicale.

Oggi è uno dei piú importanti improvvisatori della sua generazione e ha collaborato con personalitá del calibro di Gianluca Petrella, Bobby Previte, Antonello Salis, Jim Black, Shane Endsley, Dave Binney, Fabrizio Bosso, Paolo Fresu, Nils Landgren e molti altri. Ha inoltre preso parte per 6 anni al progetto MyanmarMeetsEurope, con il supporto del Goethe Institute, con il quale ha partecipato a festival in tutta Europa e Asia.

Nel 2015 ha ottenuto il Top Jazz (Musica Jazz) come miglior gruppo con il quartetto di Enrico Rava, con il quale ha inciso Wild Dance (ECM) e collabora dal 2013.

I suoi album hanno ottenuto riscontri entusiastici di critica e pubblico ed è stato votato come miglior chitarrista dal 2013 al 2016 dalla rivista JazzIt.

Lo stile di Francesco non è confinato a un singolo genere musicale: negli anni la sua curiositá lo ha portato a collaborare con danzatori, artisti visuali, coreografi e progetti musltidisciplinari. Oltre ai suoi personali progetti YELLOW SQUEEDS, BLACKLINE, collabora infatti con la danzatrice contemporanea Roberta Racis e con l’artista Sara Bernabucci.

Il risultato è una personalitá musicale caleidoscopica ma fortemente identitaria.