Costanza Alvarez de Castro


Costanza Alvarez de Castro nasce, a Roma, nel 1989, da padre italiano e madre salvadoregna. Si diploma presso il Lycée Chateaubriand di Roma, e prosegue quindi i suoi studi presso l’università La Sapienza, laureandosi, nel 2010, in Economia della Cooperazione Internazionale e dello Sviluppo. Dopo la laurea, spinta dalla passione, da sempre coltivata per l’arte, decide di dedicarsi esclusivamente alla pittura e alla danza. Inizia così a lavorare nel mondo della scenografia, per il cinema e per il teatro. Nel 2011, collabora, come assistente del maestro scenografo Jean Rabasse, alla realizzazione del film Io e Te, diretto da Bernardo Bertolucci. L’incontro con Jean Rabasse è determinante per Costanza, e la porta ad iscriversi, nel 2012, all’Institut Superieur de Peinture Van Der Kelen et Logelain di Bruxelles, dove si diplomerà, distinguendosi come migliore allieva del suo corso. Nel 2013, lavora per il Teatro dell’Opera di Roma, dedicandosi con passione all’apprendimento di antiche tecniche pittoriche, in particolare di quelle relative alla pittura di fondali. Questa esperienza le consente di perfezionare ed accrescere le proprie attitudini tecniche e di confrontarsi con formati di grandissime dimensioni. In seguito, si dedica esclusivamente alla pittura da cavalletto, nella quale può conciliare le sue doti tecniche con una maggior libertà di espressione.

Nell’aprile del 2015, si presenta per la prima volta al pubblico con una mostra personale, curata da Valentina Moncada, presso lo Spazio Cerere di Roma. Nello stesso anno, partecipa al concorso Sumarte2015, in El Salvador, esponendo l’opera Melagrana, che al termine della mostra, verrà battuta e venduta all’asta. A marzo del 2016, partecipa al BP Award, concorso mondiale organizzato dalla National Portrait Gallery di Londra, presentando il ritratto di Carlo, che la farà selezionare fra i primi quattrocento, di oltre tre mila candidati. Sempre nel 2016, dona al Palazzo della Provincia di Cosenza la tela Martinello, che viene esposta nella mostra collettiva, organizzata e curata da Roberto Bilotti per il seicentenario della morte di San Francesco di Paola. Partecipa nuovamente all’edizione di Sumarte2016, presentando il Trittico con arance e limoni. Infine il 5 novembre del 2016 inaugura la sua seconda mostra personale, Natura in Scena curata da Giovanni Argan, presso lo Spazio makemake a Roma. 

Nel 2017 Costanza ha creato "a painting for Marguerite", un progetto artistico di beneficienza. Il 20 giugno ha presentato al pubblico la sua inziativa a casa Franchetti e ha venduto una sua opera che finanzierà un progetto di educazione in Rwanda. 

PERSONALI
2017 - Giorno di Festa | Spazio Meneza, Via Montoro 3 - Roma, Italia
2016 - Natura in Scena a cura di Giovanni Argan | Spazio makemake - spazio e arte - Via del Boschetto 121, 00184, Roma, Italia
2015 - Ritratti a cura di Valentina Moncada | Spazio Cerere - Via degliAusoni 3, 00185, Roma, Italia
 
COLLETTIVE
2016 - Sumarte 2016, Subasta de arte | MARTE Museo de arte El Salvador - San Salvador, El Salvador
2016 - Francesco da Paola nel seicentenario della nascita a cura di Roberto Bilotti | Palazzo della Prefettura, Cosenza, Italia
2015 - Sumarte 2015, Subasta de arte | MARTE Museo de arte El Salvador - San Salvador, El Salvador
 
EVENTI SPECIALI
2017 - a painting for Marguerite | Via degli Orti d'Alibert - Roma, Italia
2016 - Costanza per Telethon - BNL Gruppo BNP Paribas | Via Flaminia 411, Roma, Italia
2016 - Opere in mostra | Via dei Gracchi 122, Roma, Italia
 
CONCORSI
2016 - Sumarte 2016, Subasta de arte | MARTE Museo de arte El Salvador - San Salvador, El Salvador
2016 - BP Portrait Award 2016 | National Portrait Gallery - Londra
2015 - Sumarte 2015, Subasta de arte | MARTE Museo de arte El Salvador - San Salvador, El Salvador
 
Composizione con limoni di Positano, 2017, olio su tela, 138x250cm
Jacopo, 2017, olio su tela, 100x75cm
Rain forest with racoons, 2017, olio su tela,, 40x30cm
Coniglio Bianco, 2017, olio su tela, 45x78cm