Tiziana D’Acchille

Tiziana D’Acchille

Dopo aver conseguito la laurea in Storia dell’Arte e aver approfondito lo studio dell’arte veneta del XV secolo con Augusto Gentili e la pittura romana del periodo sistino con Maurizio Calvesi, orienta a partire dal 1993 la sua ricerca sull’arte contemporanea dedicando ai giovani artisti emergenti operanti nel territorio romano mostre e rassegne.

Nel 1999 fonda la d’AC, la Galleria civica di Ciampino, da un complesso architettonico recuperato (ex Cantina sociale), diventandone direttore artistico, carica che ricoprirà fino al 2006.

Nel corso della Direzione artistica della d’AC svolgerà un’opera di valorizzazione del luogo attraverso un’intensa attività espositiva, di laboratori didattici e incontri con artisti di calibro internazionale documentata anche da una ricca rassegna stampa, dal coinvolgimento di artisti e curatori di chiara fama e da un notevole successo di pubblico (vedi rassegna stampa in allegato).

Per la d’AC è curatrice di tutta l’attività espositiva e autrice di numerose presentazioni in catalogo degli artisti, tra i quali, solo per citarne alcuni:

Alessandra Giovannoni, Carlo Maria Mariani, Matteo Basilé, Giacomo Costa, Botto e Bruno, Gea Casolaro, Omar Galliani, Pablo Echaurren, Umberto Cavenago, Giorgio Ortona, Yu-Ichi, Aurelio Bulzatti, Guido Strazza, Federico Lombardo, Andrea Martinelli, Tommaso Cascella, Corrado Zeni, Roberto Sena. Per la d’AC chiama a curare mostre e dibattiti curatori come Augusta Monferini, Maurizio Calvesi, Lorenza Trucchi, Maria Teresa Benedetti, Marco di Capua, Viviana Gravano, Carlo Alberto Bucci, Franco Speroni, e molti altri ancora.

Nel 2012 pubblica un volume edito da Jacobelli che raccoglie i suoi scritti critici realizzati nel corso della Direzione Artistica della d’AC.

Attualmente è direttrice dell’Accademia di Belle Arti di Roma.