COVID-19
Vi ricordiamo che ogni organizzatore di evento è responsabile in proprio della sicurezza dei partecipanti e dovrà garantire tutte le procedure di prevenzione previste dalle attuali disposizioni governative tra le quali sanificazione degli ambienti, controllo e registrazione degli accessi, numero massimo di presenze, uso dei dispositivi di protezione individuale e quant’altro utile ai fini della prevenzione dal contagio.

ROME NORTH SOUTH Riccardo Venturi

Roma al centro dell’Italia e dell’Europa, terra di confine.


 

Roma al centro dell’Italia e dell’Europa, terra di confine, crocevia di popoli e di culture diverse.

L’Italia è sempre stata una terra di emigrazione, ed ancora oggi, sulla base delle ultime statistiche, emerge come siano molti di più gli italiani che emigrano all’estero rispetto al numero degli immigrati che sbarcano da noi.

Roma come radice culturale ma anche come terra di mezzo, un crocevia tra chi parte e chi arriva, portandosi dietro il suo bagaglio di ricordi, speranze e tradizioni.

In questo contesto Venturi propone una sua riflessione attraverso una selezione ampia del suo lavoro volto a raccontare gli Italiani di oggi, tra tradizione, storia e nuove migrazioni.

 

Partendo da Roma e non solo, affronta il tema degli Italiani d’Europa, ripercorrendo le loro tracce dai primi del 900 fino ad oggi, ritraendo le nuove comunità italiane e contestualmente raccontando la recente immigrazione, dagli sbarchi a Lampedusa fino ai nuovi insediamenti nelle periferie della città.

 

L’esposizione prevede un’installazione di due proiezioni simultanee, con un sound design dedicato, volto a coinvolgere lo spettatore dentro il fluire degli eventi e della storia di cui Roma è stata testimone.

 

La selezione del lavoro fotografico di Venturi, oltre ad includere alcune delle sue foto d’archivio sul tema dell’immigrazione in Italia, mette in mostra anche il suo ultimo lavoro Italiani d’Europa, realizzato in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e con National Geographic Italia, oltre ad aver vinto nel 2017 il “Premio Tutino” e, nel 2018, il prestigioso premio giornalistico “Il Premiolino”.

 

Organizzatore