Germana Galdi

Dati e contatti

Figlia e nipote di quattro artisti venuti a mancare prematuramente mi formo da autodidatta. L'oreficeria di un tempo, la scultura, la sartoria, questi alcuni geni che mi porto dentro. Dopo varie sperimentazioni nel disegno del nudo, di abiti e con l'utilizzo di diverse tecniche: china, pittura su stoffa ecoline, approdo all'acquerello.

Nel 1996 inizio il mio filone acquarellistico "Riflessi e trasparenze".

Già prima degli smartphone, immortalavo attimi di viaggi e momenti, ritraendo oggetti vintage e di Art food. Dopo aver esposto ad alcuni eventi, mi sono ritirata per qualche anno alla sola produzione personale, poichè il panorama romano era piuttosto chiuso a far fluire l'arte di chi si è fatto da solo. 

Nel 2015 sulla rivista "Psiche/Arte/Società tratto l'argomento e nella tesi del Master concluso nel 2017 riassumo il senso del mio lavoro spiegando l'importanza della "riflessione" interiore e lavoro costante intrapreso da circa 30 anni. Gli oggetti che ritraggo di vetro e metallo, oltre a catturarne l'anima, li ritraggo per emanare energia del loro vissuto, alcuni mi appartengono e narrano la storia della mia famiglia. Li ritengo metafore di vita e del mio stile di vita. Più lavoriamo interiormente per arrivare ad una "trasparenza" in primis con noi stessi, facendo emergere la nostra vera natura, togliendoci i condizionamenti dei nostri genitori/antenati, più tutto il lavoro fatto a 360' lo "riflettiamo" all'esterno come fa il metallo influenzando ciò che ci circonda. Ciò che inoltre adoro catturare è unaltra metafora di luce/maschile e vetro/metallo/femminile. Un magico gioco di sintonia e seduzione tra luci più o meno forti e gli oggetti. L'effetto che la luce a seconda dell'intensità produce nell'interazione di accarezzare o penetrare gli oggetti in vetro, come una donna che viene accarezzata o penetrata. Viceversa il metallo ne rimane solo esaltato acquistandone fasciono e bellezza senza altra interazione, come una donna che non si concede e rimane impassibile.

Nel 2016 inizio un percorso con acrilici astratti arrivando finalista per la Giornata Mondiale delle malattie rare con la mia prima opera "Soul" e nel 2017 segue il filone "Trame di vita" a testimonianza di 15 anni di Costellazioni familiari di Hellinger e svariati anni di Gruppi di lavoro interiore Gestalt di crescita personale.

Nel 2017 ho concluso un Master in Art Counseling.

Nel 2019 ho iniziato il nuovo tema "MyLightArt" con un disegno stilizzato e la testa a lampadina accesa che mi rappresenta. Ho desiderato esprimermi in modo originale, nelle illustrazioni in acquerello, con mie frasi associate, dove con leggerezza e ironia tratto temi seri su cui oltre a riflettere, tento di far agire utilizzando le mie competenze nel Counseling. Nello stesso anno anche il tema "Free emotions" in astratto acrilico di grandi dimensioni ha iniziato a lasciare testimonianza nel mia produzione.
Sono modella di mie idee fotografiche dal 2014 utilizzo il mio corpo come forma espressiva, modella body painting per alcune collaborazioni con Miguel Gomez BIBART Biennale Internazionale di Bari. Sono Photo Art Directr e Photo Stylist.

Negli anni ho avuto collaborazioni con alcuni musicisti per cover di album, ma anche compositori che si sono ispirati ai miei filoni artistici, tra cui il chitarrista Cosimo Antitomaso, il compositore e Maestro del Conservatorio di Valencia Emilio Calandin, Tiberio Pandimiglio e Antimo Magnotta pianista del Victoria & Albert Museum.
Nel 2020 e 2021 ho collaborato con alcune mie opere nei film di E. Vanzina "Lockdown all'italiana" e "Tre sorelle".
Nel 2021 ho intrapreso un nuovo percorso di astratti in acrilico: "Jazz".

Nel 2022 ho iniziato la produzione presonalizzata con il mio marchio registrato nel 2016, creato da mio padre nel 1987. T-shirt e shopper sono alcune delle originali creazioni in vendita.

Lavoro anche su richiesta, e ho un canale youtube dove trovare interviste e video. (sito da rinnovare, sono reperibile sui principali social networks)

Dal 1996 ho esposto in varie location tra cui: Ass.ne "Occhio in arte", BNL per Telethon, Mattatoio a Testaccio con Atlante Sonoro XXI, Cascina Farsetti per la 7° Ed. Natale di Roma, Librodivino, Holistic Day al Mitreo Arte, Arts Week Roma 2014, Castello di Spezzano (MO), Teatro Lo Spazio, Vanni, QUID Channel con Quarta Parete, Vertecchi e alcune Gallerie: Il Leone, Pentart, Baccina 66, Palazzo Barberini, Mitreo, Galleria Simmi, Spazio MATER, MACSI, BiBART Biennali, Arte Padova, Apulia Contemporary Art, PMI Project Management Institute, Casa di cura "Di Lorenzo", Location Films, Arciliuto, MICRO, Alexanderplatz azz Club, Fondazione Besso.