Sara Santarelli


Sara Santarelli, nasce a Roma nel 1991, si diploma all'Accademia di Belle Arti di Roma dove lavora attualmente come Tecnico di laboratorio per le Cattedre di Decorazione.

Nel 2019 al MACRO ASILO, durante la Giornata Mondiale del Ready-Made, viene intervistata da Bruno Luverà per il servizio "L'artista clandestino" di Tv7.

Collabora nell'Atelier 4 "Antimilitarista di Giovanni Albanese del MACRO ASILO.

Nel 2018 si è occupata del coordinamento ed è tra i fotografi del libro "L'armata dei senzatetto" di Ascanio Celestini e Giovanni Albanese, Contrasto Editore.

"Artista selezionato" a RAW, Rome Art Week terza edizione, partecipando aprendo il proprio studio ai visitatori.

Nel 2017 un suo lavoro è stato venduto all'Asta "Salva un'opera d'arte" organizzata dalla Fondazione Città Italia presso le Terme di Diocleziano, Roma.

E' stata intervistata per il documentario “I think art is” proiettato al MACRO, Roma e a Palazzo Collicola Arti Visive, Spoleto.

"Artista selezionato" a RAW, Rome Art Week seconda edizione, partecipando aprendo il proprio studio ai visitatori

Nel 2016 collabora con Fondazione Volume! per la realizzazione delle opere per le mostre degli artisti Walid Raad, Felix Schramm e Giovanni Albanese nel 2018.

Realizza due cravatte d’artista per la collezione d’arte del giornalista Giancarlo Santalmassi.

Nel 2015 presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma collabora per la realizzazione delle “Terrazze del Festival del Verde” scenografie progettate dal garden designer Carlo Contesso.

E’ assistente del laboratorio creativo sul gioiello presso i Musei Capitolini in ambito della mostra “L’Accademia disegna”.

Nel 2014 al “3° concorso nazionale Frascati fotografia” è stata selezionata tra le finaliste.

Realizza delle illustrazioni per la casa editrice Universitalia, Tor Vergata.

Nel 2013 Selezionata come giovane promessa rappresenta l’Accademia di Belle Arti di Roma nella sezione: scultura, istallazione e design del Premio Internazionale Limen Arte 2013.

E’ Vincitrice della borsa di studio per la cattedra di collaborazione dei corsi di Tecniche di fonderia e Tecniche dei materiali per moda presso l’Accademia di Belle Arti di Roma.

Ai Musei Capitolini si occupa del reportage fotografico e fa da supporto al laboratorio del corso artistico: “Le Gioie di Roma, dalla cera alla scultura gioiello: la meraviglia del laboratorio creativo”, nell’ambito della Mostra “L’età dell’equilibrio 98-180 d.C.”

 

 

Mostre collettive:

2019

"Cazzotto" Perugia

"Giornata Mondiale del Ready-Made" MACRO ASILO, Roma

"Arte/Scienza di Pace - UN SEGNO D'ARTISTA" MUDITAC, MUSEO DIDATTICO TERRITORIALE ARTE CONTEMPORANEA, liceo "Ettore Majorana" Roma

"Now and Forward: artisti emergenti a Roma" Gallery of Art Temple University Rome

"Tiny Biennale - Light/Luce" Gallery of Art Temple University Rome

 

2018

"Dove l'acqua riposa - Giovani artisti suggeriti dai punti di vista di Rome Art Week rendono omaggio a Paolo Aita" Spazio T24, Roma

"Tiny Biennale - Notte Night" Gallery of Art Temple University Rome

 

2017

“Tiny Biennale – Yellow Giallo” Gallery of Art Temple University Rome

 

2016

"La Mente Artistica, Giovani Donne Artiste a Confronto", Teatro dei Dioscuri al Quirinale, Roma

 

2015

“L’Accademia disegna”, Musei Capitolini, Roma

“IPER, figure del perdono”, Palazzo Apostolico Lateranense in occasione del “XII simposio  internazionale dei docenti universitari”, mostra riproposta presso la Pontificia Università Lateranense e la chiesa Santa Maria in Porta Paradisi, Roma

“Le vie en Roses, le rose italiane” MACRO, Roma

 

2014

“Immagina la parola, artisti per Rielo”, Basilica Sant'Andrea della Valle a Roma, mostra riproposta presso la Pontificia Università Lateranense e la chiesa Santa Maria di Portae Paradisi, Roma

“UN ARTISTA PER UNA ROSA” Sala Santa Rita, Roma

“Comunicazione Scambio, Artisti cinesi ed italiani dell'Accademia di Belle Arti di Roma” Palazzo Velli, Roma

 

2013

“I luoghi della Scultura, pause d'arte sul sentiero”, Palazzo Baronale di Calcata

“Percorsi”, Accademia di Belle Arti di Roma

 

2012

“Di Segno in Segno, Acqua come Genesi della Forma, il segno sensibile dell'acqua a Villa Gregoriana” Villa Gregoriana, Roma

“Coesione” Castello Savelli, Palombara Sabina

 

 

Specchio delle tue brame, 2017, cm. 34x19, seta con braille ricamato in rilievo, specchio su cui è trascritta in persiano la poesia Aida allo specchio di Ahmad Shamlu.
Batticuore, 2018, cm. 210x100x20, rami e organza di seta
Per qualche tempo, 2015, cm. 12x600, ricamo su organza di seta
Astronave, 2019