Visita guidata delle mostre: The April Theses, In the Russian East e Ritual

Fotografie di Davide Monteleone e Danila Tkachenko


The April Theses, In The Russian East, Ritual

La Galleria del Cembalo, in occasione del centenario della rivoluzione

d’ottobre, propone tre mostre distinte, due di Davide Monteleone e una di

Danila Tkachenko.

 

Davide Monteleone - The April Theses

Nel Marzo del 1917, Vladimir Ilyich Ulyanov (Lenin), leader del partito rivoluzionario Bolscevico

lasciò la Svizzera, dove era stato esiliato. Otto mesi dopo assunse la leadership di 160 milioni di

persone occupando 1/6 della superficie abitata del globo. Il 9 aprile 1917, con il supporto delle

autorità Tedesche, all’epoca in guerra con la Russia, tornò nel paese natio su un treno, attraverso

Germania, Svezia e Finlandia fino a raggiungere la Stazione Finlandese di San Pietroburgo il 16

aprile dove, dopo un decennio in esilio, prese in mano le redini della Rivoluzione Russa.

Un mese prima, lo Zar Nicola II era stato estromesso dal potere quando le Armate Russe si erano

unite alla rivolta dei lavoratori a Pietrogrado, la capitale russa. In un documento a punti, conosciuto

come “Le Tesi di Aprile”, Lenin chiede il rovesciamento del governo provvisorio e delinea la

strategia che, nei sette mesi successivi, porterà alla Rivoluzione d’ottobre e darà il potere ai

Bolscevichi. 100 anni dopo, Davide Monteleone ricrea la cronologia delle due settimane di vita di

Lenin prima degli eventi che hanno cambiato per sempre la Russia e il resto del mondo.

Alla ricerca del documento originale de “Le Tesi di Aprile”, Monteleone ricostruisce, e a volte ricrea,

in un viaggio fisicamente reale, il viaggio epico di Lenin, inspirato dai documenti d’archivio trovati al

R.G.A.S.P.I. (Russian State Archive of Soviet Political History) e a libri storici che includono “To

Finland Station” di Edmund Wilson e “The Sealed Train” di Michael Pearson. Il risultato finale è una

collezione di paesaggi contemporanei, fotografia forense di archivio e auto-ritratti posati che

ripercorrono un viaggio nel tempo e nello spazio. La mostra è composta da una selezione di

stampe dal libro “The April Theses” (Postcart 2017) presentata sotto forma di installazione.

Davide Monteleone - In the Russian East

Ispirato al capolavoro di Richard Avedon “In the American West” (1985) e al continuo fascino della

Transiberiana, Monteleone guarda alla Russia per interrogarsi sul futuro del paese. Emulando

Avedon nella tecnica e nei contenuti, Monteleone crea un parallelismo geografico e temporale tra

Stati Uniti e Russia in un momento storico incerto nelle relazioni tra i due paesi. Come Avedon, si

concentra sulle persone semplici, lontane dai centri del potere e, come moderni Oblomov,

disinteressati ad esso. I protagonisti dei ritratti (discendenti di cacciatori d’oro e di pellicce, figli di

sopravvissuti ai gulag, Ebrei dell’Israele Siberiana e, persino, eredi di imperi millenari come i Buriati

o i mongoli di Gengis Khan) diventano icone della Russia contemporanea.

Le mostre “The April Theses” e “In the Russian East” sono realizzate in collaborazione con la

galleria Heillandi di Lugano.

Davide Monteleone (1974) è un artista e un visual journalist che lavora a progetti indipendenti a lungo termine,

usando la fotografia, il video e la scrittura. Si è dedicato allo studio di tematiche sociali, esplorando il rapporto tra

potere e individui. Noto per il suo interesse specifico per i paesi post-sovietici, ha pubblicato quattro libri su questo

argomento: Dusha. Anima Russa (Postcart, 2007), La Linea Inesistente (Contrasto, 2009), Red Thistle (Dewi

Lewis/Kehrer/Actes Sud/Peliti, 2012) e Spasibo (Kehrer, 2013). I suoi progetti gli hanno portato numerosi premi e

grant, tra cui diversi World Press Photo, l’Aftermath Grant, lo European Publishers Award for Photography e il

Carmignac Photojournalism Award. Contribuisce regolarmente alle principali pubblicazioni in tutto il mondo e i suoi

progetti sono stati presentati come installazioni, mostre e proiezioni a festival e gallerie in tutto il mondo, tra cui il

Nobel Peace Center di Oslo, la Saatchi Gallery di Londra, la MEP di Parigi e il Palazzo delle Esposizioni di Roma. È

impegnato in attività educative, tiene regolarmente lezioni e seminari all’università e workshop internazionali.

Danila Tkachenko - Ritual

Il nuovo progetto di DanilaTkachenko nasce da una riflessione sul centenario dalla Rivoluzione

Russa (1917-2017). L’autore rende tangibile e concreta la metafora di “bruciare tutto ciò che è

caro” e, letteralmente, brucia i simboli dell'era che si lascia alle spalle, creando spazio libero per un

futuro promettente.

Già gli artisti delle avanguardie all'inizio del ventesimo secolo misero in risalto e anticiparono i

drammatici cambiamenti che si venivano a creare nella struttura sociale. Da ciò, la necessità di

costruire il futuro sulla base di nuovi ideali: per raggiungere questa utopia, sembra suggerire

Tkachenko, è indispensabile bruciare, cancellare, tutto ciò che è statico, legato al mondo

precedente e che ostacola il nuovo modo di pensare.

Le strutture in fiamme sono fotografate in zone rurali, in un iconico “campo libero”, e la luce del

crepuscolo lascia a chi osserva la domanda irrisolta se si tratti del tramonto del vecchio mondo o

dell'alba della nuova era. Otto immagini sono presentate in anteprima assoluta.

Danila Tkachenko è nato a Mosca nel 1989. Dopo un lungo viaggio in India si appassiona alla fotografia e si iscrive

alla Scuola di fotografia e arti multimediali Rodchenko, a Mosca. Il suo primo lavoro, Escape, dedicato agli eremiti

nella natura selvatica russa, riceve il plauso delle giurie internazionali e viene pubblicato nel 2014 in un volume edito

da Peperoni Books. Nel 2015 esce il volume Restricted Areas, edito in Italia da Peliti Associati, promotore del premio

European Publishers Award for Photography.


Partecipanti a Visita guidata delle mostre: The April Theses, In the Russian East e Ritual


Organizzato da
Visualizza la scheda