Michael Franke


Michael Franke, nato a Bonn nel 1957, vive e lavora in Germania, in Italia e in Olanda. Cresce a Bruxelles dove frequenta la scuola europea e subisce l’influsso dei pittori paesaggisti belgi, surrealisti e espressionisti. Studia storia dell’Arte e economia nazionale a Bonn.

Nel 1983 inizia un viaggio artistico attraverso l’Italia, dove vive e lavora a Venezia, a Roma (1984-1989) e a Palermo (1989-1994). Nel 1995 segue un invito a Parigi della Cité internationale des Arts. Nel 1996 si trasferisce in uno studio sul mare del nord. Dipinge nella natura e sviluppa delle ricerche sulla percezione del colore e della luce nell’occhio umano. Nel 2008 si stabilisce nel suo studio vicino a Bonn (D) creandovi dei cicli pittorici che sono ispirati al mondo antico e alla mitologia.

Prosegue l’itinerario delle sue esposizioni che lo conduce attraverso tutta Europa, con mostre al Museo Russo di San Pietroburgo 2003, al Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo 2005, allo Zappeon Megaron di Atene 2007 e all’Akademisches Kunstmuseum di Bonn 2012.

Nel 2013 si trasferisce in uno studio sul Lago di Bolsena, dedicando un viaggio pittorico al mondo arcaico degli etruschi, alle vie cave e alle necropoli. Inizia un ciclo di mostre in Etruria al Palazzo Pubblico di Siena 2014, al Museo Faina e al Museo dell’Opera del Duomo di Orvieto 2018.

Dal 2019 il suo lavoro si ispira alle tre cantiche della Divina Commedia e alla cosmologia dantesca.

 

Michael Franke, Empireo, Olio su tela, 2016, 200 x 120 cm
Michael Franke. Primum Mobile. Olio su tela. 2020. 75 x 105 cm
Michael Franke, “un lume per lo mar”Purgatorio, Canto II, 17, Olio su tela, 2019, 100 x 70 cm