Bernadette Felber


 

 

Bernadette Felber

Verso nuovi orizzonti

Mi interessa fare ricerca sulle aree sociali e politiche oggetto di conflitti o di grandi cambiamenti a diversi livelli della società in diverse culture. Al centro c'è sempre la persona che incontro o la situazione che osservo. Naturalmente è legato alla mia vita e alle domande a cui cerco di trovare risposte. Al centro della mia attenzione ci sono i cambiamenti globali e il modo in cui essi incidono sulla vita degli individui. Sono molto interessata alle situazioni postcoloniali, e per affrontare un tema cerco sempre di conoscere la storia del luogo che indago.

Avendo questo sullo sfondo, il vero motivo delle mie fotografie può essere un piccolo dettaglio, un momento, una composizione in uno spazio. Sono interessata a come le persone creano i loro spazi di vita e a come affrontano la loro vita quotidiana. Ciò che cerco di catturare con le mie fotografie è sempre lattimo, o la situazione di luce.

Penso che la mia recente fotografia Fathepur Sikri conduca perfettamente la mia indagine fotografica al suo scopo. Le moschee si affacciano su splendidi spazi aperti, simili alle piazze antistanti alle chiese che ho imparato a conoscere nelle architetture italiane. Questi spazi aperti funzionato come un perfetto palcoscenico: gli attori della mia ricerca si muovono lì, ed io muovendomi lì cerco il giusto punto di vista, come un danzatore che cerca le sue risposte nel movimento nello spazio. Tutto questo avviene in spazi sacri, e questo aiuta a sentire .

Spero che le persone ricevano e portino un messaggio positivo con loro, quando guardano le mie immagini. Voglio dare al mio pubblico un'idea di come sia la vita in alcuni paesi, e questo potrebbe aiutare a rendere più comprensibile questa cultura straniera, e le barriere culturali potrebbero essere ridotte. In un certo senso voglio trasmettere al mio pubblico le esperienze che ho vissuto, quindi questo può essere un primo cambiamento.

E ho scoperto che le mie immagini possono davvero avere un impatto nella società. Molte delle mie fotografie mostrano la vita reale, potrebbero servire da documento degli ultimi 20 anni. Questo è molto importante per me. L'arte può ispirare, guarire, dare nuovi orizzonti. Ci sono immagini che tutti ricordiamo, rimangono nella nostra mente, ci fanno riflettere su chi siamo, ci fanno pensare. Se riesco a trasmettere questo messaggio forte, sono sulla buona strada.



 

Bernadette Felber, born 1966 in Austria, Academy of Fine Arts Vienna, Painting and Installation, Central St. Martin School of Art&Design London, Scenography,

working as assistant to set design and as photographer

1996 IV. Biennal for Contemporary Art St. Petersburg

1998 II. Biennal for Experimental Art and Performance St. Petersburg

2000 Fotoseptiembre Galeria Principal del Centro Nacional de las Artes Mexico D.F.

2001 49th Biennale of Venice Plateau of Humankind - Tale of an immigrant - Fondazione Bevilacqua la Masa

2003 Artist in Residency at the Watermill Foundation / working on several projects of Robert Wilson

2006 Wunschobjekte Photowall Kunsthalle Wien

2008 City sights-City stories Group exhibition Galerie Michitsch Vienna European Month of Photography

2012 Latin Art Museum LA

2013 Instituto Maximo Gorki Montevideo Uruguay Fotograma 13

2016  Little Square World  Gallery Jaditi NY

2017  Mother and Child Galleria La Pigna Rome

2019 Tale of an immigrant - Presentation at Cabral Hall - 4th Biennale of Kochi-India,  ArtExpoNY

 

 

 

 



 


Gli eventi di RAW2016 ancora non sono stati inseriti nel nuovo database, potete visualizzarli su RAW 2016