Open Studio Alberta Piazza


IL VIAGGIO

progetto di Alberta Piazza e Giuliana Silvestrini

 

"Il viaggio" è il tema che dà il titolo alla mostra di Alberta Piazza e Giuliana Silvestrini, vicine e complementari nell'esprimersi su questo tema. Il viaggio, in particolare quello lontano dalle mete turistiche, accomuna infatti queste due artiste che, ognuna per proprio conto, vi hanno trovato un ideale di vita rispondente alla loro esigenza di conoscere e sperimentare. 

Alberta Piazza costruisce il suo discorso soprattutto attraverso immagini oniriche e così nelle carte esposte rappresenta con tecnica mista delle "visioni", una sorte di flashback del viaggio, a prescindere dal mezzo sul quale avviene perchè esso è inteso come cammino non solo fisico ma anche psicologico, attraverso le diverse situazioni che costituiscono l'esperienza. Le sue opere descrivono così il percorso delle immagini: esse si imprimono nella memoria e diventano paesaggi frammentati o forme distrutte e queste vengono successivamente rielaborate nell'inconscio. Proprio da qui le mani dell'artista le recuperano perchè siano rappresentate con materiali vari la cui lavorazione dia il senso della trasformazione avvenuta nel tempo e nello spazio. In pratica l'artista rappresenta nelle sue opere il percorso mentale della conoscenza utilizzando la materia come mediatrice. Ne risultano astrazioni che sono la proiezione verso l'esterno del suo mondo intimo, vere e proprie forme aperte per le quali lo spettatore si trova a tentare delle interpretazioni soggettive.

Quello che rappresenta Alberta Piazza, quindi, è proprio il viaggio nel suo compiersi, che si manifesta in una trasformazione sempre in atto come quella che lei, viaggiatrice esperta, ha sentito di avere sempre su di sè e ha scelto come tema delle sue opere. Questa idea del transito della materia e della mente da uno stato all'altro è il leitmotiv di Alberta Piazza, e lo troviamo in ognuna delle sue creazioni qui esposte come in ogni tecnica da lei utilizzata.

In "TRAVERSAR", il titolo fa parte integrante dell'installazione composta da una rete metallica arrugginita e un prato verde "vero", annaffiato ogni tanto dalla mano dell'artista stessa, per tenere in vita l'erba. Il ferro arruginito, da parte sua, rappresenta ciò che si lascia faticosamente nel tentativo di cambiare una situazione inadeguata, mentre il prato diventa immagine della trasformazione che sta avvenendo, sintesi finale del ragionamento iniziato dal titolo.

Lo stesso concetto si ritrova negli ossidi su tessuto, che Piazza ha letteralmente "esposto" alle intemperie per ottenerne delle modifiche (impronte ed escrementi di animali, ruggine di ferro, acidità della pioggia). Qui gli elementi metereologici hanno scritto sul materiale di base una storia e questa storia è, anche stavolta, quella di un passaggio di stato, una trasformazione: un viaggio, appunto.

 

Più istintiva, invece, è la visione del viaggio espressa da Giuliana Silvestrini che dà del tema una interpretazione più "impegnata": il suo viaggio è infatti, quello rischioso del migrante verso la terra che rappresenta per lui il traguardo, il riscatto sociale ed economico. Nulla di retorico nella sua idea di fondo ma molto è legato alle emozioni: il migrante è simboleggiato nella "metallina" (il tessuto d'oro e argento con il quale vengono ricoperti i nuovi arrivati appena scesi dal barcone), che diventa la protagonista di un video in mostra, in quanto simbolo del viaggio e della voglia di conoscere e crescere, esigenze connaturate all'uomo. Non è un caso: l'artista ha un passato da viaggiatrice avventurosa, sempre a caccia di luoghi dfficili da raggiungere e per questo non ambiti dal turismo di massa. La sua stessa vita è identificabile con i continui spostamenti dettati dalla voglia di ricerca e da una inguaribile curiosità. Il desiderio di "sperimentare" della Silvestrini si sintetizza, quindi, nella figura del migrante, non nella diffusa interpretazione inflazionata e pietistica del misero bisognoso di aiuto e cure ma in una visione (più che umanitaria), "umanistica" che lo vuole simbolo di conoscenza. La metallina diventa allora, nell'immaginario dell'artista, un corpo che ha intrapreso un viaggio verso la propria realizzazione come individuo, con tutti i diritti che gli spettano e la possibilità di realizzare i propri sogni. 

Anche l'opera in acrilico e bitume rappresenta figure di immigrati, stavolta ottenute rielaborando una foto di repertorio. Ma qui la scelta ci dice qualcosa di più dell'artista. Il materiale infatti proviene dalla terra, dalle sue viscere più esattamente che sono tanto profonde quanto lo è il modo di Giuliana Silvestrini di esprimere le emozioni della vita. Sulla stessa linea sono le altre carte in mostra, "Impronte" di abiti in disuso su carte e pezzi di lenzuolo, tracce dell'umanità che le ha indossate e usate toccandole con il proprio corpo e rendendoli, per questo, unici, individuabili. E' un modo di "sentire" a pelle, quello della Silvestrini, che fa di lei un'artista passionale, sincera e impulsiva, capace di conservare ancora l'infantile stupore nello scoprire il mondo.

 

testo critico di Gloria Zarletti

 

 

 

Conosco i cieli che esplodono in lampi,e le trombe/le risacche

e le correnti: conosco la sera/e l'Alba

esaltata come uno stormo di colombe/e talvolta ho visto

ció che l'uomo crede di vedere! 

(Arthur Rimbaud)

 

Il tema del viaggio è presentato nel suo più ampio significato, come ricerca della conoscenza, viaggio della vita come la stessa nascita, e poi trasformazione, percorso di cambiamento fisico e mentale, scoperta, separazione e memoria, includendo in tali aspetti il drammatico fenomeno migratorio dell'uomo nei nostri giorni.

Per Alberta Piazza l'esperienza del viaggio comporta l'essere gettati in un allontanamento dal luogo iniziale che si abita per arrivare a un altrove e andare quindi verso il non familiare. Lo sconosciuto quindi come esigenza dell'inconscio di familiarizzare con il mondo più vasto, quali spazi ritrovati nella propria geografia simbolica esterna-interna. il viaggio inteso come rimescolamento di parti della propria identità per riconfigurarla con le nuove esperienze, come oggetto trasformativo che può favorire un mutamento dell'io (Leed). I lavori che presenta, su carta, su tessuto e un'installazione, sono centrati sull'orizzontalità delle opere a scandire la continuità il-limitata ma suddivisibile del tempo.

Il Viaggio di Giuliana Silvestrini

Il Viaggio, inteso come nascita dell'uomo, separazione,  memoria, migrazione è sviluppato attraverso l'elaborazione di un video e di opere pittoriche su tela e su carta. Il bitume è utilizzato nelle opere come legame alla terra; l'oro e l'argento, che rendono quasi "icone" le immagini pittoriche rivelano un profondo bisogno di spiritualità.  Il blu rappresenta il mare, idea di un "oltre" dove l'immaginazione,  le speranze, la paura, la curiosità del nuovo si mescolano tra loro.

Le impronte e le tracce di abiti sono memoria di noi, del nostro corpo, mappe della nostra identità e si stratificano l'una su l'altra delineando altre mappe, itinerari, altre storie.

 

 

 



Organizzato da

Alberta Piazza

Visualizza la scheda