COVID-19
We remind you that each event organizer is responsible for the safety of the participants and must ensure all prevention procedures provided by current government regulations including sanitation of environments, access control and registration, maximum number of presences, use of personal protective equipment and anything else useful for the prevention of contagion.

Cinzia Colombo's Open Studio


Proiezione in studio: Un albero vivo per uno morto atto primo e secondo.

Il primo atto è stato realizzato nella fattoria di Fiorano: ho donato e messo a dimora nell'azienda agricola di via di Fioranello un alberello di Pino di 11 anni in cambio di un Pino morto che era stato piantato lungo i filari di vite. Il secondo atto è stato realizzato nell'ambito del progetto CONNESSIONI attraverso una sequenza di azioni all'interno della vetrina di ME.SIA S.PACE.  L'albero morto è stato posto dentro la vetrina.  'Pino' invade lo spazio, la chioma è davanti al vetro e tocca la terra il tronco in diagonale sale verso il soffitto e le radici lo sfondano. L’albero ha compiuto già i 15 anni di età perché nella chioma è nascosta la parte femminile dell’albero, una pigna in miniatura non ancora completamente formata, che lo abita. Vecchi fantasmi possono ridestarsi quando un passato viene sotterrato impropriamente. I fantasmi che si creano per la morte reale di una persona cara o da vissuti significativi spezzati possono continuare a risuonare dentro, creando ombre e ostacoli tanto potenti da essere delle vere zavorre per la vita, in tutti i sensi.  I fantasmi se liberati trovano riposo come antenati e permettono di riscoprire le radici infantili dell'esperienza, ridando alla fantasia il ruolo di sorgente di vitalità e significato.

Esposizione del libro "madre terra d'ombra bruciata" ancora in corso d'opera.