COVID-19
We remind you that each event organizer is responsible for the safety of the participants and must ensure all prevention procedures provided by current government regulations including sanitation of environments, access control and registration, maximum number of presences, use of personal protective equipment and anything else useful for the prevention of contagion.

Sebastiano Bottaro

Eo/hoc ipso tempore

Sebastiano Bottaro Eo/hoc ipso tempore <i class='fa fa-question-circle' aria-hidden='true' data-toggle='tooltip' title='Translation is missing. We show the original text in Italian'></i>

Project by Valentina Ferrari

a cura di Ruggero Barberi

Ciò che Sebastiano Bottaro presenta nella sua prima mostra personale romana è il prodotto di una matura riflessione sul gesto manuale – il cui esito è una gestualità consapevole e formalmente codificata – e sulla testimonianza che questo lascia di sé nella sua durata temporale.

I lavori in mostra hanno un’innegabile matrice grafica – nel senso poietico e manuale del termine – il tutto approntato su un piano di lavoro gelosamente pittorico e autografo. Il giovane artista coniuga una simile acquisizione stilistica a una ricerca di stampo metafisico: l’idea di una temporalità che si fa spazio è ciò che costituisce l’elemento concettuale della serie di opere esposte.

I tabernacoli temporali di Bottaro – come li ha definiti il curatore – sono caratterizzati da una forte impronta dello stile, dall’acribia di esecuzione e dalla plurivoca ispirazione per i temi implicati, che risentono dell’ispirazione dei grandi, da Isgrò ad Heidegger, da Kandinskij a Borges.

Organizer

Curators not present in this edition