COVID-19
We remind you that each event organizer is responsible for the safety of the participants and must ensure all prevention procedures provided by current government regulations including sanitation of environments, access control and registration, maximum number of presences, use of personal protective equipment and anything else useful for the prevention of contagion.

DALLA TELA AL MURO: le opere pittoriche di Carlos Atoche

StudioSotterraneo, luogo di ricerca intima; la strada, luogo della collettività


Dalla tela al muro: le opere pittoriche di Carlos Atoche

a cura di Cecilia Cicci

Martedì 23 ottobre 2018, ore 17:00

StudioSotterraneo

 

Martedì 23 ottobre alle ore 17:00, presso StudioSotterraneo, l'artista Carlos Atoche - membro del gruppo di artisti dello spazio - ci racconterà il suo percorso artistico: si partirà proprio dallo studio, luogo di ricerca e sperimentazione, a seguire ognuno munito di mappa, potrà proseguire con una "passeggiata artistica" nel quartiere del Pigneto, scoprendo i murales firmati Atoche.

L'artista ci racconterà la differenza dei materiali usati per un supporto "mobile", quale la tela o la carta, e il muro, e le sfide, i limiti e le possibilità di realizzare opere su supporti urbani e architettonici.

Per Atoche StudioSotterraneo è: lo studio, il luogo dove condividiamo le nostre ricerche pittoriche, una macchina di costante sperimentazione artistica. Per me rappresenta una seconda casa.

Il lavoro in studio viene quindi percepito come una ricerca intima e personale, focalizzata sulla propria identità; nel lavoro di strada il sentimento di libertà prende il sopravvento, ma è anche una presa di coscienza e responsabilità e del ruolo che l'artista odierno ricopre verso la società. 

Carlos Atoche nasce a Lima, nel 1984 da madre argentina e padre peruviano; da subito osservando le sculture realizzate dal padre, mostra un interesse verso l'arte. Nel 2000 durante un viaggio in Europa rimane colpito dalla pittura e dall'architettura italiana e dopo tre anni si trasferisce a Roma per frequentare l'Accademia di Belle Arti. Si diploma in pittura con una tesi sulla Monna Lisa. E' proprio a Roma che la sua ricerca artistica cresce vertiginosamente e negli anni dell'Accademia inizia ad appassionarsi alla street art e ad usare così il muro come supporto vergine per le sue opere. Partecipa a Biennali di incisione in Canada, Francia, Portogallo e Italia; dopo un soggiorno a Berlino torna a Roma per dedicarsi completamente ai murales.

Le sue opere sono riconoscibili ai nostri occhi, hanno un personalissimo linguaggio artistico e iconografico: influenzato dai tratti della civiltà classica, dalle concezioni spaziali dei grandi maestri italiani, le sue pitture, sculture, incisioni e murales, raccontano di un passato storico - culturale ancora presente nella contemporaneità. Tuttavia non si tratta di fedeli rappresentazioni antiche, piuttosto di una riscoperta attraverso le propire radici culturali arricchite dalla sensibilità infantile e primitiva dell'artista. 

Da qualche anno StudioSotterraneo, porta avanti interessanti e sperimentali ricerche artistiche, dalla pittura all'incisione, dalla scultura e fotografia e dalla musica al teatro, un laboratorio interdisciplinare e multiculturale, un melting pot di idee, colori e segni, odori e suoni. Organizza mostre, workshop e concerti nel cuore del Pigneto. 

Gli artisti dello studio sono: Alberto Luis Alvarez (Messico), Mattia Arduini (Italia), Carlos Atoche (Perù), Francesco Campese (Italia) e Luis Cutrone (Colombia).

 

Artists

Artists not present in this edition

Structures

Structures not present in this edition

Organizer

Curators not present in this edition