COVID-19
We remind you that each event organizer is responsible for the safety of the participants and must ensure all prevention procedures provided by current government regulations including sanitation of environments, access control and registration, maximum number of presences, use of personal protective equipment and anything else useful for the prevention of contagion.

Marco Emmanuele. Drawing machine #8 - Casa Vuota

Il pubblico interagisce con un’installazione meccanica che produce segni poetici

Marco Emmanuele. Drawing machine #8 - Casa Vuota

Casa Vuota ospita una mostra personale di Marco Emmanuele, a cura di Sabino de Nichilo e Francesco Paolo Del Re intitolata “Drawing Machine #8 - Casa Vuota”.
L’artista occupa il pavimento di Casa Vuota con un’installazione meccanica articolata senza soluzione di continuità attraverso i vari ambienti e costruita su misura all’interno dello spazio espositivo. Per tutta la durata della mostra il pubblico è invitato a interagire con lo strumento, sotto la guida dell’artista stesso, prendendo parte attiva alla costruzione di una performance collettiva e condivisa.
La Drawing Machine è un dispositivo in grado di realizzare segni poetici seriali che sono il prodotto dell’interazione tra l’artista e altri soggetti che operano insieme a lui sulla macchina, mettendo in comune le forze al fine della realizzazione di uno stesso intento creativo. Al centro del progetto è l’esplorazione delle possibilità di utilizzo di questo dispositivo di produzione di segni, nell’intento di far convogliare verso un unico comune obiettivo le istanze umane, l’operato della macchina e l’agire collettivo e cooperante.
Grazie alla macchina di Emmanuele le stanza di Casa Vuota diventano un’incubatrice di segni, un luogo dove i segni non vengono soltanto esposti ma dove direttamente nascono grazie all’interazione tra artista, macchina e pubblico. Oltre a generare segni, la macchina produce anche interferenze che tradiscono le intenzioni di chi la manovra. I limiti fisici e meccanici del dispositivo costruito da Marco Emmanuele vengono superati grazie all’instaurarsi di una relazione mentale, condivisa ed aperta, tra gli attori che si trovano a mettere in funzione il meccanismo in un rispetto sinergico delle singole specificità. In questo modo il disegno e la pratica pittorica diventano un’operazione di ascolto, riproducendo in forma esperienziale un legame reale.

Artists

Organizer