Nini Santoro


Pasquale Santoro ( Ferrandina, MT, 1933) dopo studi classici e di medicina nel ’58 va a Parigi all’Atelier 17 di S.W. Hayter con la borsa di studio del Governo Francese. Rientrato in Italia nel ’63 dove l’anno prima ha fondato con Biggi, Frascà. Pace e Uncini il Gruppo Uno si dedica all’insegnamento presso l’ Istituto Statale d’Arte di Pomezia e di Roma.
Nel 1977 viene chiamato dal direttore Carlo Bertelli a tenere un corso di grafica e incisione presso la Calcografia Nazionale di Roma.
Nel 2010 riceve il Premio Presidente della Repubblica per la scultura e nel 2011 riceve la nomina di Accademico di San Luca
Viene invitato da Giulio Carlo Argan alla Biennale di Venezia del 1962, da Nello Ponente a quella del 1966 e da Enrico Crispolti alla Biennale dell'Architettura.
Jacques Lassaigne cura la sua personanale”Gli Achei” al Musée de la Ville de Paris nel 1972 ed espone al Musèe Rodin la scultura “Lafcadio”. Partecipa inoltre a diverse manifestazioni internazionali (San Paolo del Brasile ,Parigi, Lubiana, Tokio, Montreal, Roma). Nell' 85 espone per la Quadriennale di Roma una grande scultura murale “Tramonto a Metaponto”. Nel 2005 sempre per la Quadriennale espone una scultura in ferro di grandi dimensioni acquisita poi dall’Università di Tor Vergata. Nel 2003 Lussemburgo - Chapelle du Rham
“Nini Santoro Opere/ retrospettiva dal 1960 al 2003” Istituto Italiano di Cultura; Pisa e San Francisco la mostra “Cieli-skies”;Corigliano Calabro, Museo Castello Ducale, personale "...al di là del tempo"; Villa Mondragone, Monteporzio Catone, II Univ. Di Roma Tor Vergata “Percorsi dell'astrazione” antologica con gli artisti E. Mannucci, A.Pace e L.Boille curata da B.Aller e S.Gallo.
Nel 2014 l' Istituto Italiano per la Grafica gli dedica una personale sul suo lavoro di incisore dagli esordi ad oggi presso Palazzo Poli e realizza due grandi sculture per il comune di Vaccarizo (CS) “Monumento a Scanderbeg” e per Villapiana. (Cs) “La Justitia”. Partecipa inoltre alla grande mostra su Pasolini a Palazzo Lanfranchi di Matera con dieci sculture. Lavora anche come grafico e orafo. Vive e lavora a Roma.

Ulisse 1971 <i class='fa fa-question-circle' aria-hidden='true' data-toggle='tooltip' title='Translation is missing. We show the original text in Italian'></i>

[mashshare url="https://romeartweek.com/en/artists//?id=1720" shares="false"]