COVID-19
We remind you that each event organizer is responsible for the safety of the participants and must ensure all prevention procedures provided by current government regulations including sanitation of environments, access control and registration, maximum number of presences, use of personal protective equipment and anything else useful for the prevention of contagion.

Silvana Paula Chiozza's Open Studio


L’Ambasciata della Repubblica Argentina in Italia

con la Galleria Eitch Borromini

Presentano

Derive Mediterranee

di Silvana Chiozza e Cristina Piceda

a cura di

Sveva Manfredi Zavaglia

Roma, 14 ottobre - 10 dicembre 2017

 

Sabato 14 ottobre 2017 dalle ore 11.30 alle 18.30 a Roma, in via di Santa Maria dell'Anima, 30

si inaugura la nuova stagione presso la Galleria Eitch Borromini con la mostra Derive Mediterranee di Cristina Piceda e Silvana Chiozza - la prima mostra personale a Roma dell’artiste argentine- a cura di Sveva Manfredi Zavaglia e patrocinata dall’Ambasciata della Repubblica Argentina.

 

Il nuovo progetto espositivo delle artiste argentine Silvana Chiozza e Cristina Piceda - di circa 35 opere di pittura per la prima e scultura per la seconda. Questa esposizione propone una sorta unione tra l’Italia e L’Argentina, quel sottile fil rouge che è sempre esistito, un rapporto speciale tra questi due paesi, dove si pone l’accento sull’influsso che la nostra penisola esercita e viceversa. Il legame che unisce e stabilisce il dialogo tra queste artiste è vibrante, il visitatore è trascinato in questo racconto di vita e ci lasciamo trascinare da immagini di memoria col desiderio di condividerlo e farlo conoscere attraverso quell'immediatezza che solo l’arte riesce a darci. La mostra “Derive Mediterranee” - ci descrive la curatrice - offre un dialogo tra la natura e la meraviglia, dove ci conducono le magnifiche opere delle due artiste. Evocazione di frammenti astratti e non, in un viaggio nel mediterraneo dove ci possiamo tuffar tra il colore della campagna al calar del sole e ammirar l’arrivo in materia della luna. Tema principale della mostra sono le emozioni nell’arte. Sinuose forme femminili in dialogo continuo arricchiscono l’ambiente espositivo della Galleria Borromini in modo accurato e unico, tra la pittura descrittiva con pennellate delicate trasparenti dell’olio su tela o tavola della Chiozza; con la scultura di marmo bianco di Carrara col nero del Belgio lanciandoci tra costellazioni e il ferro dall’aspetto fragile ma forte che ci parla della Piceda.

Silvana Chiozza: www.silvanachiozza.com

Cristina Piceda: www.cristinapiceda.com

 

Il luogo La Galleria Borromini nasce all’interno di una Dimora Storica, abitata dai primi del ‘600 da Papa Innocenzo X Pamphilj e dai suoi familiari, che affidarono il progetto all’Arch. Francesco Borromini. L’architetto si occupò del palazzo e della scenografica sistemazione attuale costruendo anche la Chiesa di Santa Agnese in Agone. Oggi l’intero complesso, ex sede del Collegio Innocenziano, è sede dell’Hotel Eitch Borromini e rappresenta uno dei simboli della cultura e dell’architettura di Roma e d’Italia.

 

Mostra “Derive Mediterranee” di Cristina Piceda e Silvana Chiozza 14 ottobre -10 dicembre 2017

Galleria Eitch Borromini Via di Santa Maria dell'Anima, 30 a Roma - Tel: +39 06 6861425

Ingresso gratuito - Orari: da lunedì a domenica h 11-19

Curatore: Sveva Manfredi Zavaglia

Info: galleriaborromini@gmail.com - hotel reception