Marbel


                                                          METAMORFOSI DELLA MATERIA  COME FENOMENOLOGIA

                                                       DELLA LUCE ; DEL SEGNO ; DELL’IMMAGINE ,DELLA MATERIA

 

Con queste parole  ho pensato di  chiarire sinteticamente il senso della mia ricerca .Se mi si chiede  a cosa mi sono ispirata  nel mio lavoro rispondo subito  ..Al lavoro di Achille Pace  che egli ha affrontato  già nei primi anni  Ottanta con finalità di denuncia  in difesa della Natura.  Una serie di opere che simbolicamente rappresentavano  la violenza che  già aveva cominciato a distruggere la natura  ,cementificazione , disboscamento , prosciugamento dei corsi d’acqua , inquinamento  climatico ,   inquinamento  sul territorio  a causa  della sovrabbondanza di rifiuti  ecc……. In quel momento ho pensato di dire anch’io qualcosa .  E ho cominciato a riscattare  materiali  di rifiuto  di ogni genere sottraendoli  al gravame  subito dalla natura  e dando ad essi la  veste di  opere d’arte .    L’esito appagante del mio procedimento   deriva  principalmente  dall’ intervento su   fogli di carta  argento  usati ,  da gettare ,così come da  scarti  di materiale plastico di ogni genere , da  residui di legno , o anche di piccoli  pezzi di pietra informe .. Cerco nel mio piccolo di indurre l’osservatore a  limitare  il materiale destinato alla discarica  che , in realtà , in quantità  gigantesche ,  è  causa dell’inquinamento  del nostro ambiente circostante  ,oberato da rifiuti  di ogni genere .    Residui  di plastica  e in particolare della carta argento  sono la materia prima  dei miei lavori  ai quali attribuisco personalmente un alto valore  morale, sociale e culturale , valori  che sono certa verranno  compresi  e condivisi da coloro che  si soffermeranno ad osservare  con attenzione   e meditare   sui miei lavori . E’  evidente che la mia operazione vuol e essere il  mio personale messaggio teso a difendere la natura .E’ un intervento  che  si inserisce nelle  problematiche ambientali che  sono  attualmente all’ordine del giorno  come emergenza   di una condizione divenuta ormai insostenibile . Assistiamo giornalmente alla  cruda realtà che i mezzi di informazione ci  offrono  in  forma di  vera catastrofe  , se solo si pensa alla   condizione dei nostri  fiumi ,  , particolarmente dei nostri mari e  degli oceani , condizioni destinate ad alterare gli equilibri naturali del nostro pianeta ,  Al di là di una valutazione   estetica  e formale dei miei lavori  che  vuole cercare in essi  il massimo risultato possibile , l’operazione   che conduco vuole essere  il mio positivo , personale messaggio per contribuire ,anche se in  misura minima, irrilevante,  all’utopistica salvaguardia del nostro bel pianeta . Lascio  agli osservatori il giudizio   su opere  che si prestano a una diversa  interpretazione   di un contesto  in cui  la raffinatezza e l’eleganza dell’opera si scontra  prepotentemente e imprevedibilmente col mezzo , povero , di  scarto, da smaltire , che l’ha generata . La ricchezza delle immagini   affascinanti e variate  costantemente   presenti  fanno di ogni opera un pezzo  unico  e  irripetibile                                                                                                                                      .MARBEL    2018            

 

 

Hanno scritto su Marbel  : AchillePace  -Erminia Turilli – Francesco Nuvolari – Michele Porsia - Simona Pandolfi . Luigi Meucci Carlevaro –Gianfranco Mascelli   .Armando  Profumi.

I lavori di Marbel  sono stati esposti  alla Galleria  “ Settimo  Piano”   di Termoli , Al museo  Aurum di Pescara, alla Galleria Smac di Roma , Via Velletri  , alla sede del  Primo Municipio di Roma Centro

MARBEL  ,Settembre  ,2019

fenomenico
fenomenico
fenomenico
fenomenico

[mashshare url="https://romeartweek.com/it/artisti//?id=1804" shares="false"]