Mara van Wees


Mara van Wees.

Nata in Olanda, spirito olandese nelle origini e nella formazione, dopo gli studi a l’Accademia Belli Arti di Rotterdam l’artista si immerge nella cultura rinascimentale del soggiorno fiorentino per trasmigrare poi a lungo nella chiarità luminosa di Capri e approdare infine a Roma, dove oggi si divide tra l’attività nella Capitale e quella fruttuosa e matura nel lembo di Maremma tra Vulci e la Toscana. E nel suo lavoro è sempre leggibile l’impronta coerente e consapevole di ogni passaggio vissuto ed elaborato: la fiducia nel rigore formale e geometrico del primo De Stijl, la suggestione neoplastica che Van Wees scioglie in una rottura poetica di linee ortogonali che restano però, dopo la decostruzione, ancora classiche, cinquecentesche per ritmo e tensione, votate al dialogo con la luce e con lo spazio indefinibile del respiro naturale delle cose (dal testo di Francesco Castellani). Dopo un percorso di narrazioni intimistiche di piccole sculture, predilige le installazioni site-specific e a tema, in dialettica con siti archeologici, architettonici e paesaggistici. Ha partecipato a vaie mostre istituzionali in musei, parchi archeologici come Vulci , la Land-Art a Furlo, la ST Stephen Cultural Center Foundatione , e alla giornata Amaci. Ha collaborato con il  con il Mibac-Puglia per un progetto e bando Europeo. Negli ultimi anni sviluppa progetti di land art di grandi dimensioni e con materiali trovati in loco. Nel 2018 realizza una scultura pubblica sul lungomare di Montalto di Castro. Vive e lavora tra Roma e la Maremma.

 

 

Mostre (gli ultimi 5 anni)

2019- Claustromania - Istituto Nazionale di Studi Romani  (Roma)

- La Corta Aperta - Villa Lais (Vt)

- L'Arte di Misurare la Terra - galleria Canova22 (Roma)

- AriaLuce - MuseoNuovaEra (Bari)

2018 - Domestica : La Case Romane del Celio (Roma)

-   Vulci Mon Amour – Parco Archeologico di Vulci (Montalto di Castro

         -    Dimensine Fragile , bibilioteca Valliccelliana, Roma

-       Gattabuia – Carceri Papali – Montefiascone

  • Land Art Furbo, casa degli artisti , Furlo

2017 -    Il Codice Vulci – Parco Archeologico di Vulci

-      Color Crossing – giornata Amaci – castello Costaguti – VT

-      Il sale della Terra – chiesa Santa Croce – Tuscania

-      Land Art Furlo, casa degli artiesti Furlo

  • In Crypta, Museo della civiltà rupestre, Grottaglie (TA)

2016 -    Pietra Liquida , Parco Archeologico di Vulci , VT

-      Color Crossing, St.Stephen Cultural Center , Roma

-      Quseta è l’acqua, galleria Isola, Roma

-      Il sole negli Orci , convento di San Francesco, Canino (Vt)

  • Keramikos – palazzo degli Alessandri – Viterbo

2015 -    BACC, Scuderie Aldobrandeschi, Frascati

         -   Made in Loco, Museo della Ceramica, Grottaglie  (TA)

2014 -    Meanwhile – St.Stephen Cultural Center, Roma

-      In crypta, chies dei Santi San Filippo e Giacomo, Todi

  • SIO2, galleria Sinopia, Roma

 

geometra e simboli
via cave
crossing
scultura M alle Murelle / montalto di Castro

Gli eventi di RAW2016 ancora non sono stati inseriti nel nuovo database, potete visualizzarli su RAW 2016